Porsche punta su elettrificazione e Mission E

1518 0
1518 0

Porsche punta molto sull’elettrificazione. A breve e soprattutto a medio termine. La Casa tedesca ha dichiarato ufficialmente che raddoppierà i già ingenti investimenti in auto elettriche, ibride e strutture per le stesse vetture. Si tratta di ben 6 miliardi di euro, stanziati per un periodo non lunghissimo: entro il 2022.

I passi avanti (e anche quelli falsi) di Tesla indubbiamente hanno stimolato Porsche. Che punta ad avere una gamma elettrificata, che ribadiamo, comprende sia auto elettriche sia ibride. Nel caso del Marchio di Zuffenhausen, ibride plug-in, quindi con una autonomia solo elettrica di qualche decina di km.

Il fiore all’occhiello sarà Porsche Mission E. La berlina sportiva al 100% elettrica, che sarà presentata nel 2019 e probabilmente in commercio nel 2020. Sarà la “flagship” del Marchio, il primo modello di una nuova generazione. Mission E comporterà un investimento di ben 500 milioni di euro.

Gioiello di Casa

Dalla quattro porte sportiva nasceranno altri modelli. La nuova piattaforma elettrica sarà molto importante. La produzione del modello porterà all’assunzione di circa 1.200 tecnici e operai. Mission E sarà assemblata nella fabbrica di “casa” di Porsche, a Zuffenhausen.

 

Mission E, prestazioni da supercar. Ma a batteria

Porsche ha comunicato i dati ufficiali della sua nuova elettrica. Potenza di 600 cavalli, autonomia di 500 chilometri. Accelerazione da 0 a 100 m/h in 3,5 secondi. Numeri importanti, al pari di un tempo di ricarica finalmente accettabile per un’auto di questo rango. Per avere 400 km di autonomia saranno sufficienti 15 minuti, grazie al sistema da 800 volt.

Porsche Mission E – Interni

Elettrificazione e infrastrutture

Non sarà ovviamente solo Mission E. Porsche investirà un miliardo di euro per l’elettrificazione della gamma, quindi in teoria 718 Cayman e Boxster, 911, Macan, Cayenne e Panamera. E altri 700 milioni di euro saranno spesi per potenziare le infrastrutture e la rete. Un progetto completo, per una sfida decisiva per un Marchio di lusso.

 

Ultima modifica: 6 febbraio 2018

In questo articolo