Opel, Russelsheim diventa città elettrica con 1.300 stazioni di ricarica

668 0
668 0

Russelsheim diventa città elettrica. Nella località sede della Opel, in Germania, verranno infatti installate 1.300 stazioni di ricarica. L’operazione è finanziata dal Ministero Federale dell’Economia e vede la collaborazione di Opel, Russelsheim e RheinMain University. Il finanziamento è di circa 12,8 milioni di euro, il piano sarà realizzato in diverse fasi entro il 2020.

In futuro, ogni punto di ricarica pubblico servirà 72 abitanti. Sarà la densità di stazioni di ricarica rispetto al numero di abitanti più alta non solo della Germania ma di tutta l’Unione Europea. Altri 400 punti di ricarica saranno installati su terreni privati, 350 dei quali sul sito di Opel.

La Casa tedesca contribuirà al progetto con le aree di parcheggio che saranno dotate di 600 punti di ricarica e che al termine dei lavori saranno accessibili al pubblico. Saranno inoltre installati punti di ricarica nei 350 parcheggi per la flotta di auto aziendali Opel. Grazie alla collaborazione della RheinMain University, la città di Rüsselsheim diventerà un laboratorio urbano per la mobilità elettrica senza eguali in Germania.

I dati relativi al comportamento di ricarica permetteranno agli scienziati di prevedere la domanda futura di elettricità. Li aiuteranno inoltre a identificare le necessità dei proprietari di auto elettriche. Oltre a 20 punti di ricarica, la RheinMain University installerà anche sistemi per lo stoccaggio dell’energia. Serviranno per migliorare l’uso delle energie rinnovabili minimizzando il necessario ampliamento della rete.

Ultima modifica: 14 gennaio 2019