Mercedes-AMG: con l’elettrificazione la gamma verrà ridotta

190 0
190 0

Con la total electric Mercedes-AMG EQS 53 e la potentissima ibrida plug-in AMG GT 63 S E, entrambe freschissime di debutto, anche la divisione sportiva del marchio tedesco vira ufficialmente verso l’elettrificazione. Questo cambio di direzione non tradirà la vocazione alle prestazioni e al lusso di Mercedes-AMG, ma porterà comunque a un ridimensionamento in termini di numero di modelli presenti in catalogo.

Lo ha detto lo stesso CEO di AMG Philipp Schiemer, durante lo IAA Mobility di Monaco. Il nuovo capo di AMG ha spiegato che sotto la guida del suo predecessore, Tobias Moers (ora numero uno di Aston Martin), Mercedes-AMG ha saputo raggiungere “una posizione fenomenale nel mercato delle prestazioni”, ma crede che ora, in linea con le tendenze del settore elettrificato, la gamma di modelli del futuro debba essere ridimensionata.

AMG si concentrerà dunque ancora di più su modelli di fascia alta, sacrificando al contempo gli entry level. Fra l’altro, le nuove elettriche del marchio potranno anche risultare diverse nel design rispetto all’attuale catalogo Mercedes, perché AMG inizierà a utilizzare una nuova piattaforma specifica al momento ancora in fase di sviluppo.

Progettisti e ingegneri di Mercedes-AMG sono impegnati nel trovare nuove soluzioni aerodinamiche e inedite tecnologie per telaio e scocca. L’obiettivo è quello di compensare l’inevitabile aumento di peso dato dai pacchi batterie e riuscire così a mantenere alte le prestazioni dei prossimi modelli. Schiemer ritiene però anche che l’avanzamento della ricarica rapida e i miglioramenti nelle infrastrutture di ricarica potranno aiutare a sviluppare auto con batterie più piccole e leggere, più vantaggiose in termini di prestazioni.

Proprio in questo solco si inserisce la stretta collaborazione tra la sede centrale AMG di Affalterbach e la sua divisione High Performance Powertrains (HPP), che si trova a Brixowrth, in Inghilterra, che produce i motori di Formula 1 di Mercedes. L’idea, dice Schiemer, è di “portare la logica e la filosofia” della Formula 1 nelle auto omologate per la strada.

Ultima modifica: 7 settembre 2021