Il mercato non è pronto all’elettrico: lo dice il capo di Lexus

568 0
568 0

L’attuale tecnologia per auto elettriche non è ancora pronta per essere lanciata sul mercato di massa. Ed anche il reale impatto ambientale di tale sistema di propulsione non è ancora stato chiarito fino in fondo. Questa voce fuori dal coro è di Yoshihiro Sawa, presidente di Lexus.

Parlando ai media durante il Goodwood Festival of Speed, Sawa ha sì confermato l’impegno della sua azienda (e della casa madre Toyota) nello studio e progettazione di un’ampia gamma di tipologie di propulsione, che include anche veicoli elettrici e a idrogeno, ma ha anche affermato che non ha intenzione di buttarsi sul mercato dell’elettrificato puro fino a quando la definizione di una clientela e i reali benefici sull’ambiente non siano stati ben messi in chiaro.

Leggi anche: Più incidenti con le auto elettriche? Lo dicono in Norvegia

“Capiamo che l’elettrico sia necessario – forse più di altri sistemi di propulsione” ha detto Sawa, “ma al momento non è adatto proprio a tutti. Ad esempio non è possibile far funzionare in modo efficiente un Land Cruiser in elettrico, e ci sono persone in zone remote del mondo le cui vite dipendono da quel tipo di mezzo”. Come già accennato, nel ragionamento di Sawa entra poi in gioco anche il tema ambientale. “Gli EV (Electric Vehicle) puri richiedono al momento un lungo tempo di ricarica e batterie che hanno un certo impatto ambientale in fase di produzione e che si degradano con l’invecchiamento”. Il presidente di Lexus ha fatto notare inoltre che quando i pacchi batterie devono essere sostituiti bisogna prendere in considerazione la questione dello stoccaggio o meglio ancora del riciclo: tutte operazioni il cui impatto sull’ecosistema è, a suo parere, ancora da comprendere.

Leggi anche: Auto elettriche, i numeri del mercato e una ipotesi di futuro

“È mia opinione” ha concluso Sawa “che la soluzione migliore non sia solo l’elettrico: dobbiamo considerare ancora la benzina, l’ibrido, l’ibrido plug-in e le celle a combustibile. Se ci concentriamo solo sul total electric rischiamo di non riuscire a fornire le risposte di cui le persone hanno bisogno”.

Leggi anche: Cina: la ricarica rapida delle auto elettriche non abbatte la CO2, anzi

Ultima modifica: 18 luglio 2018