LiveWire, l’elettrico a due ruote made in Harley Davidson

299 0
299 0

Eicma ospita una premiere molto importante per Harley Davidson. LiveWire è infatti la prima elettrica del celebre marchio americano. Diretta emanazione del Project LiveWire lanciato nel 2014. Allora era un prototipo di moto elettrica, ora è diventato realtà. Atteso sul mercato già dal prossimo anno, in attesa che Harley Davidson dal 2022 offra una gamma completa di elettriche.

I pre ordini scatteranno a gennaio, quando verranno annunciati anche prezzo ed esemplari disponibili. Una svolta che arriva 115 anni dopo la nascita del marchio. Diverso anche il design della moto, una naked muscolosa con un peso alleggerito dall’assenza del pesante bicilindrico classico.

In attesa di conoscere i dati tecnici ufficiali, Harley Davidson parla di una accelerazione straordinaria data dall’immediata coppia fornita dal motore elettrico. Una girata di manopola e la moto parte a razzo istantaneamente. La guidabilità è garantita dal centro di gravità basso, il telaio in alluminio e le sospensioni adattabili.

Harley Davidson LiveWire

L’autonomia è ottimizzata, dice la Casa, per i motociclisti da città. Si parlava di 150 km con singola carica. Mentre la bruciante accelerazione 0-100 km/h si dovrebbe compiere in 4 secondi. Alla batteria agli ioni di litio che alimenta la moto, se ne aggiunge una da 12 Volt. Questa si occuperà di gestire separatamente fari, clacson e display informativo.

Ultima modifica: 8 novembre 2018