Le Ford in Europa saranno tutte elettriche entro il 2030

537 0
537 0

Ford ha annunciato un importante passo avanti sua trasformazione europea, impegnandosi a focalizzare tutti i suoi sforzi nell’elettrificazione delle sue vetture e nella crescita ed elettrificazione  del suo business dei veicoli commerciali.

Ford ha annunciato che, entro la metà del 2026, tutte le vetture commercializzate in Europa avranno almeno una versione Plug-In Hybrid o Full Electric in grado, quindi, di viaggiare a zero emissioni; entro il 2030 saranno tutte elettriche.

Allo stesso modo, anche l’intera gamma dei veicoli commerciali sarà in grado, entro il 2024, di viaggiare a zero emissioni avendo almeno una versione Plug-In Hybrid o Full Electric per ogni derivativo. Ford si aspetta, inoltre, che entro il 2030 due terzi delle sue vendite di veicoli commerciali in Europa saranno Plug-In Hybrid o Full Electric.

Leggi anche: Ford Mach-E, tutte le novità

L’annuncio arriva sulla scia della pubblicazione dei dati che hanno visto il ritorno alla profittabilità della Ford Europa nel 4° trimestre del 2020 e il contemporaneo annuncio di un importante aumento dell’investimento da parte di Ford sull’elettrificazione portato, entro il 2025, a 22 miliardi di dollari, quasi il doppio di quanto fosse stato annunciato in precedenza.

Incentivi auto 2021

“Abbiamo ristrutturato con successo Ford Europa e siamo tornati alla redditività nel quarto trimestre del 2020. Ora ci stiamo avviando verso un futuro completamente elettrico in Europa con nuovi e distintivi veicoli e una customer experience connessa di altissimo livello”, ha affermato Stuart Rowley, presidente  Ford  Europa. ” Quest’anno, in Europa, ci aspettiamo di continuare su questo trend fortemente positivo e di restare in linea con la tabella di marcia per raggiungere il nostro obiettivo di un margine EBIT del 6% come parte del piano di Ford per trasformare  il suo business globale dell’automobile”.

Per Ford, negli ultimi 2 anni, gli aspetti chiave per la trasformazione del suo modello di business in Europa, sono stati  la riduzione di 1 miliardo dei costi strutturali, la correzione del modo di operare nei mercati non performanti, la creazione di una gamma molto più mirata sulle esigenze e aspettative dei clienti, alcune partnership volte ad accompagnare la crescita del business e il miglioramento della profittabilità in ogni area del business.

Accelerare la crescita del business dei veicoli commerciali Ford

Nel 2020, la Ford è stata per il sesto anno consecutivo il brand leader per vendite nel mercato dei veicoli commerciali.

La crescita in questo business nel quale Ford è così forte è l’elemento chiave per l’intera profittabilità delle attività europee. La crescita è stata e sarà supportata dall’offerta di  nuovi prodotti e servizi, dalla collabotrazione con una rete estesa di partners allestitori, dall’alleanza strategica con VW e dalla Joint Venture con Ford Otosan capace di realizzare un efficiente sviluppo di prodotti e approvvigionamento.

L’ulteriore crescita nel settore dei veicoli commerciali sarà un ecosistema costruito attorno a servizi connessi sviluppati insieme ai clienti, progettati per migliorare la loro esperienza e aiutare le loro attività a prosperare. Questi includono, a esempio, i servizi connessi di uptime e produttività come FordPass Pro per flotte fino a cinque veicoli e il lancio di Ford Fleet Management, creato da Ford e ALD Automotive lo scorso anno, per massimizzare la produttività per i clienti di flotte che cercano servizi su misura per gestire i loro veicoli sulla strada.

Ford e Google hanno anche annunciato di recente la creazione di un nuovo gruppo collaborativo, Team Upshift, per promuovere opportunità dirompenti e basate sui dati. Questa partnership, unica nel suo genere, in combinazione con le capacità interne di Ford, costituirà la base di nuove esperienze di possesso e servizi sia per i clienti di veicoli commerciali sia per quelli di autovetture.

Investimento di 1 miiardo di dollari a Colonia

 A guidare il progresso di Ford verso un futuro completamente elettrico è un nuovo investimento da 1 miliardo di dollari per modernizzare il suo impianto di assemblaggio di veicoli a Colonia, in Germania, uno dei suoi più grandi centri di produzione in Europa e la casa di Ford Europa. L’investimento trasformerà le attuali operazioni di assemblaggio dei veicoli nel Ford Cologne Electrification Center per la produzione di veicoli elettrici, il primo impianto di questo tipo di Ford in Europa.

Ford ha, inoltre, confermato che la sua prima autovettura completamente elettrica, costruita in Europa per i clienti europei, sarà prodotta nella struttura a partire dal 2023, con la possibilità di un secondo veicolo completamente elettrico costruito nello stesso stabilimento.

Il nostro annuncio di oggi di voler trasformare lo stabilimento di Colonia, sede delle nostre operazioni in Germania da 90 anni, è uno dei più significativi che Ford abbia fatto in oltre una generazione. Sottolinea il nostro impegno per l’Europa e un futuro moderno con i veicoli elettrici al centro della nostra strategia di crescita “, ha affermato Rowley.

La decisione di rendere il sito di produzione e sviluppo di Colonia il centro della mobilità elettrica per Ford in Europa è un segnale importante per l’intera forza lavoro”, ha affermato Martin Hennig, Presidente del Consiglio aziendale generale della Ford-Werke GmbH. “Offre una prospettiva a lungo termine per i nostri dipendenti e allo stesso tempo li incoraggia a contribuire a plasmare questo futuro elettrico“.

Rowley ha concluso

Offriremo una gamma eccezionale di veicoli elettrificati, supportati da servizi ed esperienze digitali incentrati sul consumatore, consentendo ai nostri clienti di venire con noi nel viaggio verso un futuro completamente elettrico, a partire proprio da ora con il lancio della Mustang Mach-E prima vettura completamente elettrica della gamma Ford. In combinazione con la nostra leadership nel settore dei veicoli commerciali, questo costituirà la base di un’attività Ford profittevole e sostenibile in Europa “.

Leggi anche: Ford e Google insieme

Ultima modifica: 18 febbraio 2021