Le auto elettriche Dyson saranno costruite a Singapore

334 0
334 0

Procede il progetto di Dyson di creare un proprio catalogo di auto elettriche. Il celebre marchio di aspirapolvere ha infatti scelto la località dove costruire la propria base produttiva: Singapore.

Perché preferire il sud-est asiatico e non l’Inghilterra, patria di Sir James Dyson e luogo dove ha sede la sua fortunatissima azienda di elettrodomestici? La risposta è semplice e intuitiva: si tratta di un modo per essere il più vicini possibili ai mercati ad alta crescita nel settore della mobilità elettrica. Tradotto: significa marcare stretta la fruttuosa Cina.

Leggi anche: Dyson: dagli aspirapolvere alle auto elettriche. Ecco la sfida

Nei piani di Dyson, il nuovo impianto di produzione verrà completato nel 2020, giusto in tempo per sfornare la prima auto elettrica, prevista per il 2021. A Singapore Dyson ha già delle filiali dove assembla aspirapolvere e ventilatori, impiegando oltre mille persone. Con il nuovo impianto le risorse umane aumenteranno del doppio.

Leggi anche: Dyson investe 2,3 miliardi di euro nell’auto elettrica

Nel frattempo gli ingegneri dell’azienda britannica stanno già progettando la prima auto elettrica Dyson, al lavoro presso il centro di ricerca nel Wiltshire. Si tratta di una squadra ben finanziata e numerosa: dei 4800 impiegati Dyson presenti nel Regno Unito, ben 400 sono esclusivamente dedicati al settore auto.

Leggi anche: L’auto elettrica Dyson avrà un sistema di guida autonoma

Ultima modifica: 24 ottobre 2018