GM: profitti dalle auto elettriche a partire dal 2021

1611 0
1611 0

L’amministratrice delegata di General Motors Mary Barra ha recentemente promesso agli investitori che l’azienda di Detroit inizierà presto a far soldi vendendo auto elettriche. La previsione ottimistica è che entro il 2021 GM sarà in grado di creare profitto dai propri prodotti a zero emissioni. Si tratta di un’affermazione importante: al momento, infatti, nessuna azienda (nemmeno Tesla, che perde 1 miliardo al trimestre) è in grado di essere in attivo con la sola vendita di auto elettriche.

QUAL È LA RICETTA DI GENERAL MOTORS?

Barra non è entrata nei dettagli, ma le strade di GM per raggiungere un obiettivo così ambizioso toccano vari aspetti. Da una parte si parla di tecnologia, con uno sviluppo previsto nella produzione di batterie:
cambiando le materie prime (più nichel e meno cobalto, per risparmiare), rendendo efficiente la creazione delle varie componenti e altri accorgimenti. Operazioni che, prevedono in GM, garantiranno una riduzione del prezzo delle batterie di oltre il 30%.

Ci sarà poi un passaggio a una produzione di grandi volumi di veicoli elettrici, economie di scala da realizzare principalmente in Cina. Del resto GM collabora da tempo con il partner cinese SAIC per ridurre i costi di assemblaggio delle auto elettriche. Le due società stanno lavorando alla progettazione di fabbriche di nuova generazione dedicate al total electric, più piccole, meno complesse e più efficienti degli impianti tradizionali.

GM POTREBBE FARCELA

Anche se in sordina, General Motors è da anni impegnata in un tentativo di entrare da leader nel mercato dell’elettrico a quattro ruote. Negli ultimi anni l’azienda di Detroit ha saputo raccogliere capitale, grazie alle lungimiranti decisioni prese da Mary Barra, che ha venduto attività europee in perdita e ha fatto uscire GM da mercati non redditizi, concentrandosi su altri più remunerativi. La casa statunitense ha al momento oltre 1.700 ingegneri, progettisti e ricercatori dedicati esclusivamente ai veicoli elettrici, molti dei quali impegnati presso il GM Technical Center di Warren, nel Michigan, dove è presente un centro di ricerca per batterie nato addirittura nel 2009.

Ultima modifica: 9 gennaio 2018