Elettrificazione Honda, il futuro è dietro l’angolo

608 0
608 0

Il futuro di Honda è dietro l’angolo. Entro il 2022 la Casa giapponese avrà in gamma sei modelli elettrificati, due dei quali al 100% a batterie. Ovvero Honda e, l’affascinante citycar dedicata agli spostamenti urbani ed un’altra compatta, una Segmento C, di circa 4,3 metri di lunghezza.

L’imminente si chiama Jazz Hybrid, la cui  nuova generazione è stata svelata al Salone di Tokyo. Una monovolume cittadina anch’essa, dotata delle tecnologia ibrida Dual Motori di Honda, che promette efficiente e fluidità di marcia.

Honda Jazz Hybrid Crosstar
Honda Jazz Hybrid Crosstar

La nuova Jazz sarà anche il primo modello di Honda in Europa a prevedere lo speciale logo “e:HEV“. Non solo virtuosa, per chi ama lo stile più personalizzato e magari qualche scampagna senza preoccupazioni su strade non asfaltate ci sarà una versione crossover, chiamata Crosstar. La quale disporrà di una maggiore altezza dal suolo, di un diverso disegno della griglia anteriore, di tessuti impermeabili in abitacolo e di mancorrenti integrati sul tetto.

Honda Jazz 2020, gli interni

Tutte le Jazz in Italia saranno commercializzate con propulsore ibrido. Le vendite avranno inizio a partire dalla metà del 2020. Le dimensioni della monovolume cittadina resteranno invariate, intorno ai 3,9 metri di lunghezza.

Leggi anche: nuova Honda e, la compatta elettrica dallo stile sportivo

Il powertrain ibrido riprenderà quello del SUV CR-V, con una riduzione della cilindrata da 2 a 1.5 litri. Il quattro cilindri benzina è abbinato a un motore elettrico e a un generatore. Il sistema si chiama i-MMD (Intelligent Multi Mode Drive) ed è il fiore all’occhiello di Honda, utilizzato anche su Accord, modello cruciale nel mercato USA.

Le batterie, poste sotto la seconda fila di sedili, sono agli ioni di litio. Potrà viaggiare con propulsione elettrica per circa due chilometri. La potenza di sistema dovrebbe essere intorno ai 110 cavalli: concorrente diretta di nuova Yaris Hybrid e anche Renault Clio.

I consumi e le emissioni dovrebbero essere virtuosi: oltre ai 25 km/litro nel ciclo combinati e meno di 90 g/km di CO2. Come tutte le Honda, la guida su strada si prospetta di alto livello. Precisa e gratificante, anche se non si tratta di una vettura sportiva.

Nuova Jazz a bordo presenta una plancia interamente digitale e la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto. Jazz sarà prodotta a Suzuka, in Giappone. Tom Garner, vice presidente di Honda Europa, non ha dubbi. “Desideriamo che il messaggio passi forte e chiaro. Il Marchio sta facendo enormi progressi grverso mobilità più pulita e sostenibile. Il nuovo logo è uno dei simboli del cambiamento epocale”.

Honda per la ricarica

Riguardo i servizi Honda ha annunciato sinergie in Europa per facilitare la ricarica, per accessibilità, velocità e prezzo. Con la wallbox, Power Box casalinga a Ubitricity, sfruttando i lampioni (il contatore sarebbe nel proprio cavo per l’addebito) per la rete esterna e Vattenfall per avere una fornitura di energia flessibile. Un piano a largo raggio, che avrà uno sviluppo iniziale nel Regno Unito e in Germania. Un piano importante, l’approvvigionamento di energia, la sua velocità e il suo prezzo, sono le chiavi per ampliare la clientela continentale di auto elettriche o ibride plug-in, ancora globalmente molto scarsa in Europa.

Ultima modifica: 23 dicembre 2019