Carrozzerie fatte con le piante: un’idea dall’Inghilterra

488 0
488 0

Nuovi materiali compositi ricavati dagli scarti agricoli potrebbero essere utilizzati in futuro per realizzare rivestimenti e carrozzerie sostenibili, leggere e a basso costo per l’industria automobilistica. È questa l’idea alla base di una ricerca condotta da un team di scienziati dell’Università di Portsmouth, nel Regno Unito, il quale è riuscito a sviluppare appunto un nuovo materiale biocomposito, utilizzando fibre provenienti dagli scarti della coltivazione della palma da dattero. Questo tipo di materiale, che non ha ancora un nome, è abbastanza resistente e malleabile da poter essere utilizzato in parti non strutturali dei veicoli, come ad esempio i paraurti o i rivestimenti delle porte.

Leggi anche: Produrre diesel dagli alberi morti. Ecco come fare

La ricerca, pubblicata sulla rivista Industrial Crops and Products, mette in luce le interessanti proprietà meccaniche di questo materiale biocomposito. In particolare si nota una notevole resistenza alla trazione e agli urti a bassa velocità.

Leggi anche: Un’auto fatta di bambù? Ford forse ha qualche idea

Il dottor Hom Dhakal, che dirige il gruppo di ricerca, ha inoltre sottolineato i bassi costi di produzione e la leggerezza di questo materiale derivato dalle fibre di palme da dattero. Caratteristiche che lo rendono efficace in senso economico ed ecologico: meno peso significa infatti poter contribuire a ridurre il consumo di carburante e dunque anche le emissioni di CO2. Ma c’è di più: “Questo materiale sostenibile”, ha commentato il dottor Dhakal, “può essere prodotto utilizzando molta meno energia rispetto al vetro o alla fibra di carbonio ed è biodegradabile, quindi più facile da riciclare”.

Ultima modifica: 11 dicembre 2018