Gruppo Eni, Versalis e Bts Biogas impianti a biometano

375 0
375 0

Versalis, società chimica di Eni (nella foto sotto  il ceo Claudio Descalzi), e Bts Biogas, società italiana che progetta e realizza impianti di produzione di biogas, hanno siglato un accordo per sviluppare e commercializzare una tecnologia innovativa per la produzione di biogas e biometano da bio-masse residuali lignocellulosiche.

Focus: il biometano

Tale tecnologia si baserà sull’integrazione della tecnologia proprietaria Versalis per il pre-trattamento termomeccanico delle biomasse, con la tecnologia di BTS Biogas per la produzione per via fermentativa di biogas e biometano.

BTS Biogas possiede il know-how per la produzione di biogas e biometano da diverse tipologie di biomasse e le infrastrutture di ricerca e sviluppo idonee per la valutazione su base sperimentale della relativa processabilità e rese. Versalis, nella più ampia strategia di decarbonizzazione di Eni, ha avviato un piano di trasformazione che punta a rendere le proprie attività e i propri prodotti sempre più diversificati e il suo contributo in termini di sviluppo tecnologico concorre a sviluppare soluzioni industriali sempre più sostenibili.

Il principale vantaggio dalla collaborazione tra Versalis e BTS Biogas è quello di consentire, grazie alla nuova tecnologia, la produzione di biogas e di biometano avanzato con elevate rese a partire da biomasse lignocellulosiche residuali, contribuendo così allo sviluppo su larga scala della produzione di biometano avanzato con ridotte emissioni di gas serra e senza impatto agronomico.

 

Ultima modifica: 17 dicembre 2021