Ora l’auto verde è davvero vicina, il patto Nissan-Enel

1612 0
1612 0

IL 2021 si avvicina a grandi passi. E con questa scadenza cruciale arriverà anche un robusto taglio delle emissioni. La condizione ideale per il lancio definitivo dell’auto elettrica a impatto zero. Ma per arrivare preparati a quel traguardo non basta produrre vetture con autonomia sempre maggiore e a prezzi più accessibili.

Serve soprattutto preparare le infrastutture. Per trasformare un pieno di energia elettrica dal meccanismo lungo e complicato di oggi a un gesto di routine. Come quello di rifornirsi a una normale pompa di benzina o gasolio. Per fare questo servono batterie capaci di assorbire in fretta l’energia e tanti punti di rifornimento: nel garage di casa e lungo le strade d’Italia.

Ecco perché l’alleanza fra Nissan (gruppo Renault) ed Enel, annunciata nei giorni scorsi, diventa un evento centrale per il futuro dell’auto elettrica. Per la prima volta due player nel mercato dell’energia pulita si mettono assieme. Per offrire al consumatore una proposta concreta, un incentivo capace di spingere all’acquisto di un’auto a elettroni.

NISSAN E ENEL, I DETTAGLI DELL’ALLEANZA

Le condizioni offerte sono due anni di rifornimento di energia gratis e l’installazione nel garage di casa del Wall box (l’apparecchiatura per fare il pieno di elettroni) a costo zero. Una proposta che vale più di tanti sconti e incentivi di stato, che raramente smuovono il grande popolo dei consumatori.

14 mila colonnine entro il 2022

Su questa scia Enel rinnova la sua volontà di elettrificare il sistema italiano di rifornimento con la costruzione di 14 mila colonnine entro il 2022. Già nel 2018 saranno 180 i distributori a ricarica elettrica veloce che compariranno nelle nostre autostrade. L’investimento complessivo per l’ambizioso piano sfiora i 300 milioni di euro e può segnare la svolta definitiva verso l’auto a impatto zero.

Ma oggi più che i grandi annunci e i programmi a lungo termine, servono misure concrete. E proposte capaci di incidere sulle scelte degli automobilisti. Per questo l’iniziativa di Nissan, che con Leaf ha già venduto 300 mila auto eletriche nel mondo, merita un plauso sincero.

Giuseppe Tassi

Ora l'auto verde è davvero vicina, il patto Nissan-Enel
Nissan al convegno sull’economia circolare promosso da Enel e Intesa Sanpaolo. Mobilità elettrica, sicura e integrata, per un futuro sostenibile

Ultima modifica: 2 gennaio 2018