Auto elettriche, negli USA scatta l’allarme incendi

560 0
560 0

Un incidente alimenta il dibattito sul rischio incendio delle batterie al litio sulle auto elettriche. Un modello di Tesla è andato a fuoco e i pompieri hanno fatto molta fatica a domare le fiamme, nonostante comunque non ci siano stati feriti. E anche se l’ente federale per la sicurezza stradale statunitense (NHTSA) sottolinea che non c’è maggior rischio di incendio nelle vetture elettriche rispetto a quelle a benzina, vi è comunque l’esigenza di preparare i soccorritori a questo tipo di interventi.

UNA TESLA A FUOCO DOPO UN INCIDENTE

Tutto è partito da un banale incidente stradale che ha coinvolto una Testa Model S a Fort Lauderdale, in Florida. Il sinistro ha causato un incendio e le batterie al litio della vettura hanno scatenato delle pericolose fiamme che i vigili del fuoco, prontamente intervenuti sul posto, hanno faticato un bel po’ a spegnere. Prima del soccorso dei pompieri era intervenuta una pattuglia della polizia che si trovava nelle vicinanze e aveva cercato di spegnere l’incendio con l’estintore in dotazione, senza nessun risultato. Le fiamme sprigionate dai prodotti chimici che vengono utilizzati per produrre le batterie delle auto elettriche, infatti, possono essere spente soltanto con procedure e prodotti ad hoc.

NON È LA PRIMA VOLTA CHE ACCADE

L’incendio della Tesla non è il primo caso che riguarda le auto elettriche. L’ente della sicurezza stradale USA ha tenuto però a precisare che “il rischio di incendi nei veicoli elettrici è in qualche modo paragonabile o forse leggermente inferiore a quello dei carburanti per veicoli a benzina o diesel”. Quello che deve necessariamente cambiare è la preparazione dei soccorritori nell’affrontare questa tipologia di fiamme. Un addestramento che le forze dell’ordine e i vigili del fuoco in questo momento – evidentemente – non hanno.

I RISCHI PER I SOCCORRITORI

I soccorritori non sono preparati a spegnere questi incendi e i rischi aumentano. Oltre alle fiamme più difficili da domare, c’è il tema dei cavi ad alta tensione che vengono montati su queste vetture e che trasportano corrente a più di 60 Volt. Se chi interviene non ne conosce l’esistenza e ne ignora la pericolosità c’è il rischio di restare fulminati.

PREPARARE LE FORZE DELL’ORDINE A QUESTO TIPO DI INCENDI

Secondo la National Fire Protection Association solo uno su quattro degli 1,1 milioni di vigili del fuoco negli Stati Uniti sono adeguatamente preparati ad affrontare un incendio su un’auto elettrica. I più capaci sono quelli di Fremont, in California, la città con lo stabilimento di assemblaggio della Tesla. L’NHTSA ha anche realizzato una guida per i proprietari di veicoli elettrici e ibridi con batterie ad alta tensione, mettendo in guardia sui pericoli di scosse pericolose. Nessun allarme quindi, ma la consapevolezza che bisogna affrontare questo nuovo problema con la giusta preparazione.

Ultima modifica: 2 aprile 2019