Audi e-tron FE05, monoposto di Formula E sempre più veloce

1858 0
1858 0

Audi e-tron FE05, ecco la nuova monoposto elettrica di Formula E da trecento all’ora.  Il 15 dicembre, a Ad Diriyah (Arabia Saudita), si aprirà una nuova era per il Campionato ABB FIA.  Con delle novità davvero importanti, per le prestazioni e lo spettacolo. Speciale anche nelle forme, dicendo addio all’alettone. Una scelta più unica che rara: la deportanza è affidata a un estrattore.

Audi e-tron FE05
Audi e-tron FE05

FE05, ecco la Gen2

La nuova generazione della Formula E (Gen2) dispone del doppio della capacità di accumulo. Non ci sarà quindi il cambio di vettura a metà gara: la sfida durerà 45 minuti consecutivi. L paotenza massima delle vetture è limitata a 340 cv in qualifica, 272 cv in gara.

Ma c’è la activation zone: quando i piloti affrontano queste aree lungo il tracciato, possono accedere per un breve periodo a una configurazione più spinta della monoposto (306 CV). Come in passato, i fan della Formula E possono sostenere il pilota preferito votando online. Viene così attivato il “FanBoost” che porta temporaneamente la potenza massima a 340 CV. Che permetterà un’accelerazione 0-100 km/h in circa 3,1 secondi.

I due piloti del team Audi Sport ABT Schaeffler (campione costruttori nel 2017) sono Daniel Abt e Lucas di Grassi. Anche l’inglese Virgin Racing schiererà due e-tron FE05.

Audi dovrà una nuova sfida in particolare per quanto concerne il “cuore” della monoposto. Ovvero dovrà sviluppare il drivetrain, che include motore, inverter, trasmissione, sospensioni posteriori e relativi software di gestione. Il resto è condiviso da tutti i team.

 

L’unità propulsiva, denominata Audi Schaeffler MGU03, è stata sviluppata congiuntamente da Audi e dal partner tecnico Schaeffler. Gli ingegneri hanno realizzato un pacchetto ancora più efficiente, aumentando ulteriormente rendimento e performance. Il 95% del drivetrain è rinnovato e il peso viene ridotto del 10%.

Audi e-tron FE05 -  Daniel Abt e Lucas di Grassi
Audi e-tron FE05 – Daniel Abt e Lucas di Grassi

Tutte e auto hanno batterie McLaren, pesanti 374 kg e con una capacità di 52 kWh. La batteria agli ioni di litio è collocata tra il sedile del pilota e il powertrain.  Come in Formula Uno, il pilota siede in una monoscocca in carbonio, sviluppata per rispettare gli standard della FIA. Il peso minimo ammesso per le monoposto di Formula E si attesta a 900 kg (pilota incluso).

Formula E, il calendario del 2019

Tra l’opening a Ad Diriyah e la doppia finale a New York, a metà luglio 2019, si gareggerà a Marrakech (Marocco), Città del Messico (Messico), Hong Kong (Cina), Roma, Parigi (Francia), Monaco e Berlino (Germania). Ogni ePrix ha una durata di 45 minuti più un giro. I circuiti sono, nella maggior parte dei casi, tracciati cittadini temporanei.

 

 

Ultima modifica: 4 ottobre 2018

In questo articolo