800 camion a idrogeno Nikola One ordinati da un produttore di birra americano

933 0
933 0

Anheuser-Busch, un colosso statunitense nella produzione e distribuzione di birra, ha ordinato ben 800 Nikola One, i camion elettrici alimentati con tecnologia fuel-cell a idrogeno.

Si tratta di un’operazione che certo fa notizia, ma che può non sorprendere andando a spulciare nella storia di Anheuser-Busch. Il grande birrificio ha infatti una certa vocazione nel ricercare modi alternativi di spedizione dei propri prodotti. Già nel 1870, secondo la CNN, l’azienda fu la prima a utilizzare vagoni refrigerati per il trasporto del suo carico. Ma, andando avanti veloci negli anni, a giorni più vicini, si è resa protagonista nel 2016 della prima spedizione di birra (50 mila casse) con un camion a guida autonoma, che ha affrontato un viaggio di 120 miglia (circa 193 chilometri).

Lo scorso anno, infine, sempre Anheuser-Busch ha ordinato anche 40 Semi Truck, i camion elettrici Tesla, principali concorrenti dei Nikola One. Da notare che, fra l’altro, Nikola Motor Company e Tesla sono giunte recentemente ai ferri corti a causa della citazione in giudizio della prima azienda nei confronti del marchio di Musk per una questione di presunto furto di brevetti (in questo articolo ne parliamo in modo più dettagliato).

Da Anheuser-Busch, però, fanno sapere che per loro non si tratta di un test per capire quale azienda e quale camion siano i migliori. Il birrificio intende utilizzare entrambe le tipologie di mezzi in “diverse parti del viaggio della birra”, come ha dichiarato Ingrid DeRyck, vice presidente Anheuser-Busch per la sostenibilità.

Ultima modifica: 7 maggio 2018