Il 47% degli italiani sarebbe disposto a vivere e lavorare in una città che vieta la circolazione di veicoli inquinanti

192 0
192 0

Il Pulsee Energy Index, osservatorio sulle abitudini degli italiani realizzato da Pulsee, brand digitale e green di luce e gas di Axpo Italia, in collaborazione con la società di ricerche di mercato NielsenIQ¸ fotografa ancora una volta priorità, intenzioni e comportamenti in relazione alla sostenibilità ambientale. 

Al centro della nuova indagine, svolta su un campione di uomini e donne sparsi omogeneamente in tutta Italia e di età compresa tra i 18 e i 65 anni, mobilità e ambiente, in particolare l’analisi dell’inclinazione a scegliere la mobilità sostenibile, rappresentata da bici così come da nuovi mezzi elettrici a basso impatto quali scooter e monopattini, di proprietà o in condivisione. 

Mobilità sostenibile che presenta, stando agli intervistati, innegabili vantaggi: l’83% la vede come strumento utile alla riduzione dell’inquinamento, così come del congestionamento stradale (62%). Più di metà di loro, il 58%, sarebbe ben disponibile ad abbandonare l’auto tradizionale per sostituirla con bici, mezzi elettrici di proprietà o in sharing, ad una condizione però: che le infrastrutture per la nuova mobilità (piste ciclabili e strutture di ricarica) siano potenziate. 

Pulsee

L’attuale contesto urbanistico e di offerta, divide gli italiani: il 46% del campione sostiene infatti che muoversi in modo sostenibile, in Italia, richieda più tempo ed energia, mentre valuta in maniera positiva i paesi estero, in cui la mobilità green vanta un percepito di maggiore facilità (57%).

Non solo, il 47% degli italiani sarebbe ben disposto a vivere e lavorare in città che vietano la circolazione di mezzi inquinanti, e dove a poter circolare siano solo mezzi elettrici, pubblici, bici e monopattini anche in sharing.

Auto croce e delizia degli italiani: l’ambizione di vivere in città più pulite e meno congestionate, viaggia in parallelo con le preferenze negli spostamenti, per i quali l’auto personale è ancora in cima alla lista (64%) con percentuali ancora basse per bici di proprietà (13%), autobus con l’8%, e metropolitana con il 4,5%.

Un paese in movimento se, mediamente, gli intervistati dichiarano di fare circa 22 km al giorno per recarsi al lavoro, 5,6 km per la spesa, lo shopping o altre attività domestiche, altri 12 circa per le attività legate ai figli tra scuola e impegni extrascolastici. 

Il successo del bonus mobilità sembra aver accresciuto in qualche modo la conoscenza dei mezzi per la nuova mobilità: oltre il 70% degli intervistati dichiara di conoscere da abbastanza a molto bene bici elettriche e monopattini elettrici, riconoscendone valore ecologico (67%) e comodità per muoversi in città ma con ancora evidenziata l’esigenza di più corsie dedicate (75%). 

Più di un intervistato su due (56%) non ha mai utilizzato mezzi di sharing mobility, e tra chi la utilizza è ancora l’auto a coinvolgere la maggioranza (31%), seguita da biciclette (17%), scooter e monopattini (7% ciascuno). 

Risparmiare CO2 all’ambiente è oggi possibile anche scegliendo un fornitore di energia per le utenze domestiche digitale, paperless e sostenibile. Pulsee, oltre a garantire una gestione al 100% digitale e senza scartoffie, mette a disposizione, per tutti i clienti, energia proveniente da fonti rinnovabili. Grazie al suo servizio My Green Energy – Adotta un Impianto si può scegliere la fonte di energia sostenibile desiderata: energia eolica, solare, a biomassa o idroelettrica provenienti da una rete di partner selezionati.  

Le proposte di Pulsee, attivabili comodamente in pochi tap dal cellulare, includono tutte (senza costi extra) il servizio My Green Energy per offrire solo energia da fonti rinnovabili e garantire un futuro sostenibile. 

Chi è Pulsee

Pulsee è l’energy company full digital di Axpo Italia, quarta in Italia nel mercato libero. Attraverso una piattaforma accessibile e intuitiva con servizi integrati su misura, Pulsee propone un nuovo modo di fruire l’energia che mette al centro le esigenze quotidiane delle persone, la libertà di scegliere, la semplicità di fruizione, il consumo sostenibile.

Ultima modifica: 23 novembre 2021