Vettel re di Melbourne Alonso e’ solo quarto Il primo podio di Petrov

250 0
250 0

A Melbourne il campione del mondo in carica apre la nuova stagione come aveva chiuso la precedente: vincendo. A sorpresa veloce anche la McLaren di Hamilton, seconda, e il terzo posto del russo della Renault. Massa settimo dopo squalifiche delle Sauber

Melbourne, 27 marzo 2011 –  Sebastian Vettel ha vinto il Gp d’Australia, primo appuntamento della stagione del mondiale di Formula 1. Il tedesco campione del mondo della Red Bull, vittorioso per la prima volta a Melbourne, ha preceduto sul podio la Mclaren di Lewis Hamilton.

Terzo il sorprendente Vitaly Petrov con la Lotus Renault Gp. Quarta la Ferrari di Fernando Alonso; lo spagnolo finisce dietro il russo ma tiene dietro l’altra Red Bull di Mark Webber. Sesta la Mclaren di Jenson Button, seguita dalle Sauber di Perez e Kobayashi e Massa (Ferrari).

Cambiano le regole, le gomme ma non i valori in pista. Il piu’ veloce e’ ancora lui, il campione del mondo in carica Sebastian Vettel. Il tedesco con la sua Red Bull domina la gara senza eccessivi problemi trovando nel solo Lewis Hamilton l’unico avversario in grado di avvicinarsi, anche se alla fine il divario tra i due e’ di ben 22 secondi.

Bene quindi anche la Mclaren, che sembrava essere molto indietro dopo i test di inizio stagione e che invece si e’ presentata competitiva al primo appuntamento del mondiale sulla pista di Melbourne, visto il rinvio del Gp del Bahrain per via dei noti problemi politici di quel paese. Sorprendente terzo posto e primo podio per il russo Vitaly Petrov, con la Lotus Renault Gp.

Fernando Alonso chiude quarto con la Ferrari e sembra proprio una maledizione quella dello spagnolo che non riesce ad avere la meglio sul pilota russo, cosa che lo scorso anno gli costo’ il titolo. Alonso, comunque si lascia alle spalle l’altra Red Bull, quella di Mark Webber.

Sesto Jenson Button con la seconda Mclaren che chiude davanti alle due Sauber di Perez e Kobayaschi. Nono posto finale per il brasiliano della Ferrari Felipe Massa al termine di una gara non facile. Decimo Sebastian Buemi con la Toro Rosso. Obiettivo centrato da parte di Bernie Ecclestone perche’ la prima gara della stagione e’ decisamente piu’ vivace grazie alle nuove norme che costringono i team a svariate strategie per sfruttare al meglio le gomme e anche gli errori degli avversari.

Sicuramente positivo anche il primo bilancio della Pirelli, fornitore unico del mondiale di Formula 1. Partenza regolare per Vettel dalla pole, bene Massa che supera Button e si inserisce in quinta posizione, indietro Alonso. Subito un bel duello con il pilota della Mclaren che prova a riprendere posizione per superare il brasiliano della Ferrari; ci riuscira’ al 12^ giro tagliando i limiti della pista; il britannico sostiene di essere stato costretto da Massa alla manovra ma i commissari lo penalizzano. Webber ai box per il cambio gomme. Il primo pilota a ritirarsi e’ Pastor Maldonado con la Williams. Alonso rientra al 13^ passaggio per il cambio gomme, seguito poco dopo da Vettel, Massa e via via tutti gli altri. Al 20^ giro Vettel conserva un vantaggio di 7″ su Hamilton. Dura soltanto 23 giri la gara di Michael Schumacher, subito condizionato da un contatto in cui danneggia una gomma e la sospensione. Al 24′ contatto tra Barrichello e Rosberg; sbaglia il brasiliano che costringe il pilota della Mercedes al ritiro e anche per lui ci sara’ il Drive Through.

Al 30^ giro Alonso fa il record in gara pero’ con le due soste e’ staccato di 58 secondi dal leader Vettel. Al 33^ giro errore di Hamilton che esce fuori pista e perde parecchi secondi. Al 42^ giro Webber e’ costretto al terzo Pit Stop per sostituire le gomme morbide, poi l’australiano, appena riuscito dai box sbaglia e Alonso, a sua volta rientrato, guadagna la quarta posizione. Al 48^ giro attacco e sorpasso di Button ai danni di Massa che ora e’ settimo. Alonso, invece, pur montando gomme dure, riesce a guadagnare su Webber. Al 52^ passaggio finisce la gara anche per la Williams di Rubens Barrichello. Il sorprendente Petrov, con la Lotus Renault Gp, si porta in terza posizione e il russo riesce a tenere dietro Alonso. Nessun colpo di scena nel finale.

VETTEL – Sebastian Vettel ricomincia da dove aveva chiuso la passata stagione. Sua la prima gara della stagione sulla pista di Melbourne. “E’ stata una bella corsa – spiega il tedesco della Red Bull – nella parte finale Lewis (Hamilton, ndr) ha smesso di spingere. La partenza e’ stata cruciale, lo stare sulla parte pulita mi ha permesso di partire bene, ho cercato di mantenere il divario ma a un certo punto si raggiunge quello stato in cui i pneumatici si degradano e non si possono fare altri giri. Dopo la sosta e’ stato fondamentale superare subito Jenson Button. Nella seconda parte non sapevo bene cosa accadeva, ma Lewis si e’ staccato progressivamente e la pressione e’ stata inferiore.
Ottima gara, ci sono state molte cose da imparare, dobbiamo rivedere quello che abbiamo fatto e ripartire da qui”.
Vettel promuove le nuove norme e le gomme Pirelli: “Il giudizio e’ positivo, dobbiamo fare i complimenti alla Pirelli, dopo i test eravamo timorosi ma non ci sono stati tutti quei cambi che temevamo, e’ stata una corsa regolare. L’ala posteriore? Una novita’ nuova per tutti, la prima curva non e’ il punto migliore per superare, ma mi ha consentito di avvicinarmi a Jenson, sembra funzionare come previsto”.

HAMILTON – Lewis Hamilton ha chiuso la prima gara stagionale al secondo posto, un buon risultato per il colore britannico e per la Mclaren tornata ad essere pienamente competitiva. “Sicuramente possiamo essere orgogliosi di questa gara – spiega Hamilton – i ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro. Inizialmente non ci aspettavamo di potere essere vicini ai primi cinque e arrivare secondi con una macchina affidabile e’ un ottimo risultato. Il passo e’ buono e aspetto la prossima corsa. Dopo la partenza ho avuto qualche problema con il fondo della vettura che e’ stato danneggiato, forse quando sono uscito o anche prima. Ho perso il carico aerodinamico e ho cercato solo di far punti. La partenza non e’ stata bella, mi sono scivolate le ruote e ho perso terreno rispetto a Sebastian”.

 

PETROV – Primo podio in carriera per il russo della Lotus Renault Vitaly Petrov, terzo davanti alla Ferrari di Fernando Alonso, e prima volta di un russo sul podio della Formula 1. “Sono felice di essere qua davanti a questi piloti – commenta in conferenza stampa – Non sapevamo dove fossimo all’inizio di questo week-end, avevamo diverse componenti nuove, ma la macchina e’ stata forte a partire dalle libere, la squadra ha fatto tutto in modo perfetto e dobbiamo essere orgogliosi. Partenza fantastica? Non e’ andata male, ho cercato di attaccare Alonso e ho ottimizzato al meglio la partenza”.

 

ALONSO – Fernando Alonso chiude al quarto posto la prima gara della stagione, ma la Ferrari deve ancora lavorare per raggiungere le prestazioni di Red Bull e Mclaren. “La partenza e’ andata bene anche se e’ stata un po’ confusa – ha spiegato lo spagnolo ai microfoni della Rai – Potevamo arrivare terzi ma non di piu’. Tre pit-stop? Giusto, ero ottavo-nono a un certo punto, grazie alle fermate abbiamo sorpassato due macchine, abbiamo fatto una sosta in piu’ ma recuperato posizioni. Ala mobile? L’ho usata in 2-3 sorpassi, certe volte non basta, ma sono riuscito a passare Rosberg. Ci sono circuiti piu’ difficili e anche con l’ala non e’ agevole superare”.
La Ferrari deve gia’ concentrarsi sul prossimo appuntamento in Malesia. “Margini di miglioramento? C’e’ ancora tanto da fare, gia’ oggi e’ stata uan performance piu’ normale, ieri avevamo due secondi e con quel distacco potevano doppiarci due volte, oggi non e’ successo. Speriamo di cominciare ad arrivare sul podio a partire dalla Malesia”.


MASSA
– Felipe Massa non e’ andato oltre il nono posto finale nella prima gara stagionale sulla pista di Melbourne. “E’ stata una gara molto buona all’inizio – spiega il brasiliano ai microfoni della Rai – ottima la partenza ma non e’ stata sufficiente, anche la strategia non ha aiutato, ho voluto mettere le gomme dure, il consumo era peggiore di quello che doveva essere. Potevo arrivare 6^ o 7^ tranquillamente e sono arrivato nono. L’ala posteriore? Sicuramente funziona, abbiamo visto sorpassi, io ne ho fatto uno cosi’ e ne ho subito un altro. Il kers? Funzionava pero’ la strategia doveva essere migliore e la gara non e’ stata come doveva essere. In Malesia? Speriamo arrivi un risultato diverso per noi”. 

 

SQUALIFICATE LE DUE SAUBER – Sergio Perez e Kamui Kobayashi sono stati squalificati per irregolarita’ tecniche riscontrate sulle due monoposto Sauber nel Gp di Australia, primo appuntamento del Mondiale 2011 di F1. Perez, 21 anni, aveva chiuso la sua gara d’esordio in F1 al settimo posto davanti al compagno di squadra giapponese. La doppia squalifica consente al ferrarista Felipe Massa di scalare due posizioni nell’ordine d’arrivo e chiudere al settimo posto.

 

L’ordine d’arrivo del Gp d’Australia disputato a Melbourne (58 giri di 5,303 km per 307,574 km) dopo la squalifica delle due Sauber:

 

1. Sebastian Vettel (Ger) Red Bull 1h29’30”259 (media 206,184 km/h);
2. Lewis Hamilton (Ing) McLaren Mercedes + 22”297;
3. Vitaly Petrov (Rus) Lotus Renault + 30”560;
4. Fernando Alonso (Spa) Ferrari + 31”772;
5. Mark Webber (Aus) Red Bull + 38”171;
6. Jenson Button (Ing) McLaren Mercedes + 54”304;
7. Felipe Massa (Bra) Ferrari + 1’25”186;
8. Sebastien Buemi (Svi) Toro Rosso + giro.
9. Adrian Sutil (Ger) Force India + 1 giro;
10. Paul Di Resta (Sco) Force India + 1 giro;


La classifica del Mondiale piloti di Formula 1 dopo la prima delle 19 gare in calendario:

1. Sebastian Vettel 25 punti;
2. Lewis Hamilton 18;
3. Vitaly Petrov 15;
4. Fernando Alonso 12;
5. Mark Webber 10;
6. Jenson Button 8;
7. Felipe Massa 6;
8. Sebastien Buemi 4;
9. Adrian Sutil 2;
10. Paul Di Resta 1.

La classifica del Mondiale piloti di Formula 1 dopo la prima delle 19 gare in calendario:

1. Red Bull 35 punti;
2. McLaren-Mercedes 26;
3. Ferrari 18;
4. Lotus Renault 15;
5. Toro Rosso 4;
6. Force India 3.

Il Mondiale prosegue con il Gp di Malesia in programma il 10 aprile.

Ultima modifica: 16 novembre 2017